Configurare Chromecast, ecco come fare.

Configurare Chromecast, ecco come fare.

Off Di Giada Fiordaliso

Chromecast oggi viene utilizzato sempre di più, non solo dagli appassionati di Internet. Il piccolo dispositivo infatti è molto usato anche da chi si vuole sedere comodamente sul divano e vedere la tv. Proprio a quest’ultima infatti deve essere collegato Chromecast. Precisamente, quest’invenzione di Google serve per vedere tutti i contenuti quali film, video ecc…da PC, cellulari, sulla tv. Configurare Chromecast è molto semplice e per riuscirvi bastano pochi semplici passi da seguire.

Chromecast: che cos’è

Quando si nomina “Chromecast”, si indica un oggetto molto utilizzato per vedere direttamente sul proprio schermo televisivo i contenuti della rete. Precisamente si tratta di un adattatore che appunto è usato per collegare il PC alla tv. In realtà può collegare qualsiasi dispositivo fornisca Internet, alla televisione. Il “gioiello”, come lo chiama qualcuno, è stato realizzato da Google. Il suo sistema operativo è quello chiamato “Chrome OS” e la sua tecnologia è la “Google cast”. Quest’ultima è un tipo di tecnologia wireless che permette di collegarlo alla tv senza l’utilizzo di cavi.

Per capire meglio come è fatto Chromecast, si può dire che è una chiavetta. In poche parole si tratta di una specie di pendrive. Questa sarà in grado di trasmettere qualsiasi tipo di contenuto multimediale alla tv. Così si potranno vedere video, film, schermate di pagine web, in modo semplice e senza avviare procedure particolari. Per usare Chromecast c’è bisogno di un PC oppure anche di uno smartphone o Tablet. Ora vediamo come configurare Chromecast, partendo dal collegamento.

Configurare Chromecast: il collegamento

Per alcuni è un problema configurare Chromecast, ma in realtà la procedura è molto semplice. In poche parole, basterà semplicemente prendere il dispositivo, collegarlo al televisore a una delle porte HDMI e basta.

Tuttavia esistono delle varianti per provvedere alla sua accensione. Il tutto dipende dal tipo di modello che si è acquistato. Nel caso si tratti di un modello base, allora per avviarlo si può usare una delle porte della tv. L’alternativa però può essere anche la presa elettrica. Se si usa una delle porte del televisore, servirà il cavo USB.

Se però si usa “Chromecast Ultra”, allora si dovrà utilizzare obbligatoriamente la seconda alternativa.

Una volta terminato di attuare il collegamento, automaticamente si dovrà iniziare la vera e propria “configurazione”.

Chromecast: altri passaggi per configurarlo

Quando il collegamento è stato effettuato, si deve scegliere la rete wireless a cui ci si deve connettere. In secondo luogo, il sistema richiederà di inventare un nome per Chromecast. Non sarà possibile effettuare nulla di tutto ciò se prima non è stata scaricata l’utility della configurazione. Per riuscirvi, basta scaricarla da Playstore dal proprio cellulare o sul Tablet o PC. Tale utility prende il nome di “Google Home”.

Terminato di scaricare il tutto, si dovrà cliccare su “Inizia” e poi accedere al proprio account Google. Dopo, il sistema dovrà automaticamente ricercare Chromecast. Se non dovesse funzionare, allora cliccare sul pulsante + e su “Configura un dispositivo”.

In questa fase, si deve solo attendere che Chromecast venga rilevato. Se quest’operazione non riuscisse, allora ci si deve connettere alla rete “Chromecast-xx”.

Successivamente verrà mostrato un codice sia sul proprio dispositivo (smartphone o PC) e anche sulla tv. Si deve verificare che i due codici coincidano ed in seguito si deve premere “Sì”.

Finito di scegliere la rete wireless su cui utilizzare Chromecast, ormai lo si potrà adoperare. Si potrà anche scegliere se seguire il tutorial che comparirà, oppure se evitarlo.

Chromecast: applicazioni supportate

È possibile inserire su Chromecast numerose applicazioni utili per poi ottenere un’ottima visione in streaming sul PC. Queste applicazioni inoltre possono essere utili anche per scegliere cosa vedere. Una tra queste ad esempio è YouTube, ma anche Chrome, oppure “Allcast”. Quest’ultima è ormai una famosa applicazione che serve per inviare a Chromecast foto e video dal cellulare al dispositivo. Un’altra può essere Netflix oppure anche Infinity. Alcune di queste, come Netflix, ma anche Premium e Mediaset Premium, supportano automaticamente Chromecast.

Chromecast: il suo sistema operativo

Chromecast funziona grazie a Chrome OS. Questo precisamente è un sistema operativo open source, studiato dagli esperti proprio per gli utenti appassionati di Internet. Addirittura, utilizza solo 8 secondi per poter essere avviato da un computer.

La sua interfaccia inoltre è quasi uguale a quella di Google Chrome e questo aiuta gli utenti a capire come usarlo.

Chromecast: compatibilità e vantaggi

La compatibilità di Chromecast con le numerose applicazioni e i diversi dispositivi, è un vantaggio. Infatti questo piccolo oggetto, come già detto, può essere usato da PC, da smatphone, Tablet ecc..ed è proprio questa la sua particolarità. Un altro fattore positivo è il fatto che Chromecast non abbia dimensioni ingombranti.

Riguardo la sua compatibilità, va detto anche che sono numerosi i sistemi operativi con cui può collegarsi. Tra questi infatti vi sono quello Android, iOS, Chrome OS, Windows, Linux e macOS.

Per quanto riguarda invece la sua compatibilità con le marche di computer, anche queste sono numerose. Si tratta di Acer, ASUS, Freescale, Hewlett-Packard, Lenovo, Qualcomm, Texas Instruments e Toshiba.

Un altro vantaggio è quello di poterlo utilizzare per stampare i file. Per riuscirvi, basterà utilizzare Google Cloud Print, senza dover installare altri driver.

Chromecast: i modelli

Non esiste un solo modello di Chromecast, ma ben tre diversi. Il primo viene chiamato “base” ed è in grado di riprodurre video fino a una risoluzione di 1080p (Full HD). Il suo costo inoltre si aggira intorno ai 39 euro circa. Il secondo modello invece è “Chromecast Ultra”, che, come si è già detto, va per forza collegato con presa elettrica. Questo inoltre è in grado di riprodurre video in 4K e HDR. Esiste un terzo tipo chiamato “Chromecast audio”, che ad esempio è il più particolare. Quest’ultimo infatti trasformerà qualsiasi impianto audio in un impianto wireless.

Chromecast: altre caratteristiche

Il dispositivo Chromecast è stato lanciato dagli Stati Uniti d’America il 24 luglio 2013 a 35 dollari. In più in Italia invece il lancio è stato effettuato nel 2014 e con un prezzo iniziale di 60 euro circa. Quest’ultimo è poi sceso, fino ad arrivare ai 35 euro di Amazon nel 2014. L’Italia ha dovuto attendere il 2016 per conoscere la terza versione di Chromecast, cioè il suo terzo modello.

Giada Fiordaliso

Vota questo articolo!