Tour guidato a Cubase VST

Off Di admin0804

Chiunque ha ambizioni musicali può realizzarsi nel suo vero potenziale. Con Cubase VST spendi poco e sogni molto, tenendo tra le mani la migliore soluzione ad oggi in grado di supportarti per la tua musica.

 

Quali sono le finestre principali di Cubase VST?

  • la Barra dei Trasporti: è molto simile al controllo di trasporto sui registratori a nastro. Da qui si aziona Play, Stop, si “riavvolge il nastro”, etc. Ma è usata anche per impostare tempo, divisione metrica, etc.
  • L’Arrangement: qui si registrano e assemblano le Song. In verticale è suddiviso in Tracce, che consentono di organizzar le registrazioni. Si può utilizzar una Traccia per la batteria, un’altra per il basso, una terza per la voce, una quarta per i cori, etc.
  • Le Finestre di mixer Audio: è dove missate l Tracce Audio, cioè ne regolate i livelli (volume), la posizione stereofonica (pan), mandate effetti, EQ, etc.
  • Le finestre EQ ed Effetti: per ciascun canale audio in Cubase VST, potete avere fino a quattro bande di equalizzazione parametrica. Inoltre, ciascun canale ha quattro mandate effetto, che potete assegnare a quattro “processori effetto” interni per aggiungere riverbero, chorus ed altri effetti.
  • L’Editor GM/GS/XG: questo è uno dei posti in cui potete regolare i livelli, il panning ed altri parametri per i suoni creati dal vostro sintetizzatore MIDI. Potete usare questo editor anche per selezionare i suoni per ciascun Canale MIDI.
  • Il Pool: elenca tutte le registrazioni audio. Viene anche usata per importare in Cubase VST file audio creati in altri programmi.
  • L’Editor Audio: qui potete effettuare l’editing di base delle Parti Audio, spostamento e regolazione dei punti di start ed end di Eventi Audio, etc.
  • Il Wave Editor: serve all’editing dettagliato e a modifiche permanenti delle registrazioni audio.

Fonte: Steinberg

Vota questo articolo!