Realtà virtuale ad uso terapeutico

Realtà virtuale ad uso terapeutico

29 Settembre 2018 0 Di Emilio Brocanelli

Si chiama Idego ed è una startup italiana che ha sviluppato ben 5 app per curare ogni tipo di fobia. Si parla di realtà virtuale ad uso terapeutico da più di 20 anni ma in Italia solo recentemente si è iniziato ad approfondire gli studi. Fino ad ora questa tecnica di cura delle fobie è stata adottata esclusivamente dai grandi centri specialistici come il Santa Chiara a Verona e l’ istituto Auxologico a Milano, soprattutto per motivi di budget, ma, ora, grazie ad un team giovane e preparato, la realtà virtuale ad uso terapeutico è diventata realtà per tutti gli utenti.

Realtà virtuale ad uso terapeutico, le applicazioni per lo smartphone

Idego ha sviluppato 5 app che possono essere scaricate direttamente sullo smartphone e, grazie a speciali visori, è possibile iniziare la terapia. La realtà virtuale ad uso terapeutico deve necessariamente essere effettuata da personale addestrato, quindi difficilmente può essere riprodotta in casa ma è ad esclusivo uso dei terapeuti. La licenza annuale per poter usufruire delle app, comprensiva di un dettagliato manuale per il corretto utilizzo degli strumenti, 2 supervisioni e tutti gli aggiornamenti necessari costa dai 260 ai 280 euro.

Le 5 app progettate e realizzate da Idego servono per la cura di varie patologie, dal trattamento di disturbi come l’ ansia o fobie specifiche come ad esempio l’ app Driver serve per curare la paura di guidare. La realtà virtuale ad uso terapeutico per il trattamento delle fobie consiste nello stimolare il paziente in un ambiente protetto e controllato. E’ risaputo che per guarire dalle proprie paure bisogna affrontarle e le app di Idego consentono ai pazienti do poter affrontare le proprie fobie senza correre nessun tipo di rischio.

Realtà virtuale ad uso terapeutico, riabilitazione cognitiva

La realtà virtuale ad uso terapeutico di Idego non si occupa di trattare fobie specifiche ma può essere utilizzata anche nella riabilitazione cognitiva. Il team di Idego ha sviluppato Cerebrum, un software diviso in 3 moduli: Memoria e apprendimento, stime cognitive e attenzione. Questi 3 moduli si suddividono in 21 esercizi che vanno dal ricordarsi la disposizione di oggetti in una stanza, all’ associazione di segni e parole. Per realizzare questa applicazione, il team di Idego si è avvalso della supervisione di esperti del settore, come ad esempio il Centro di Cognitivismo Clinico di Firenze.

Realtà virtuale ad uso terapeutico, le altre applicazioni

Oltre a Cerebrum e a Driver, ci sono altre 2 interessanti app sviluppate da Idego, Docure e Clauser.

  • Docure: Questa app serve per la cura dei disturbi ossessivo compulsivi. Il paziente viene letteralmente immerso in una stanza o un bagno completamente sporco di ogni tipo di sporcizia.
  • Clauser: Questa app è utilizzata per la cura di claustrofobia e agorafobia. Il paziente verrà esposto a situazioni di grande stress emotivo.

Emilio Brocanelli

Articoli correlati