Motore di ricerca TOR, anonimo e sicuro

Motore di ricerca TOR, anonimo e sicuro

Off Di Emilio Brocanelli

Quando utilizzi un browser anonimo per navigare, come ad esempio TOR browser, devi poter utilizzare anche un motore di ricerca con le stesse caratteristiche. Il motore di ricerca TOR più utilizzato è sicuramente duckduckgo.com. Questo motore di ricerca TOR, ovviamente, può essere utilizzato sia all’ interno della rete TOR, sia utilizzando un browser tradizionale. Ora andrò ad elencarti le più importanti caratteristiche di questo motore di ricerca TOR.

Le caratteristiche fondamentali di duckduckgo.com

Duckduckgo.com è un motore di ricerca TOR che ha delle caratteristiche in linea con il concetto di privacy che si dovrebbe avere all’ interno della rete TOR. Ti ricordo che, all’ interno della rete TOR, puoi trovare persone di tutti i generi che potrebbero tracciare le tue ricerche internet per trovare l’ indirizzo ip dal quale ti stai connettendo. Proprio per questo bisogna utilizzare un browser anonimo ed un motore di ricerca TOR con una privacy molto elevata.

Duckduckgo.com non traccia in nessun caso le tue ricerche. Un’ altra caratteristica molto importante è che, questo motore di ricerca, riesce a bloccare i tracker pubblicitari, impedendo che vengano visualizzati i banner ( la funzione che svolge adblock sui motori di ricerca classici ). Con questo motore di ricerca, la tua cronologia di navigazione rimarrà privata.

motore di ricerca TOR

Motore di ricerca TOR, hidden wiki

Fino ad ora ti ho semplicemente parlato di un motore di ricerca TOR per svolgere tutte le attività che compi giornalmente ma, sono sicuro che se tu stai navigando all’ interno del dark web, hai la necessità di trovare un motore di ricerca hidden wiki, cioè che abbia al suo interno, diviso per categorie, tutte le varie opportunità che stai cercando. Io, ovviamente, ti diffido dal visitare questi tipi di motori di ricerca in quanto sono pieni zeppi di materiale illegale. Oltre alla pornografia spinta ( che spesso sfocia nella pedopornografia ), puoi trovare siti che commissionano omicidi, che vendono carte di credito trafugate, che ti permettono di assistere a delle vere e proprie torture, che ti permettono di acquistare droga e armi, ovviamente il tutto pagabile in bitcoin. Mi sento in dovere di diffidarti ancora una volta dall’ entrare in questo tipo di siti.

Sicuramente uno dei motori di ricerca TOR più famosi è https://www.deepwebsiteslinks.com/. Quando apri questo sito, puoi vedere anche un decalogo su come navigare correttamente all’ interno della rete TOR. Sono degli accorgimenti molto importanti, ma scritti in inglese, quindi ho deciso di tradurlo per te, affinchè tu, nonostante le mie diffide, possa navigare in sicurezza all’ interno del dark web.

  1. Connettiti sempre in anonimo sfruttando TOR browser.
  2. Scollega la tua webcam, oppure coprila con del nastro adesivo.
  3. Genera una seconda identità da utilizzare esclusivamente nel dark web.
  4. Nella tua seconda identità non usare nessun dato personale come nome reale, indirizzo, numero di telefono ecc.
  5. Utilizza sempre un account email anonimo. Personalmente io utilizzo protonmail.com.
  6. Quando accedi al deep web, chiudi tutti i programmi che sono in esecuzione sul tuo pc.
  7. Mantieni sempre aggiornato TOR browser.
  8. Quando decidi di accedere a qualsiasi sito nel deep web, arresta javascript. Alcuni siti nel deep web hanno bisogno di Java per essere visualizzati. In questo caso ignorali e apri un altro sito.
  9. Prima di accedere a qualsiasi collegamento onion, ricordati di generare una nuova identità o un nuovo circuito TOR. Per generare una nuova identità clicca su CTRL+SHIFT+U, mentre per generare un nuovo circuito TOR clicca su CTRL+SHIFT+L.
  10. Alcuni siti nel dark web utilizzano l’ autenticazione a 2 fattori. E’ una buona cosa, a patto che tu non utilizzi i tuoi dati personali per utilizzare questa protezione.
  11. Accedi al dark web solo con dispositivi di tua fiducia.
  12. Per la tua sicurezza sarebbe meglio che, prima di aprire TOR browser, tu accedessi ad una VPN dalla quale poi lanceresti TOR browser.

Emilio Brocanelli